Post in evidenza

giovedì 5 gennaio 2017

Viareggio fuori dal Parco? La nostra risposta

Si odono di nuovo proposte e richieste che sinceramente troviamo sconcertanti, veramente non si sa cosa pensare e non si capisce se l'obiettivo è chiedere 100 per avere 10 (ma quale 10?) o se veramente, come tanti temono, c'è la volontà di spianare la starda a qualche amico che ha necessità edificatorie.
La posizione di Legambiente Versilia era e rimane totalmente critica, ripubblichiamo pertanto lo stesso comunicato emesso nel maggio 2016 sulla medesima presa di posizione del sindaco.

Siamo purtroppo abituati all’ostilità dei politici ed amministratori viareggini nei confronti del Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli, ma mai si era arrivati ad una richiesta di uscire dal Parco espressa dal più alto rappresentante delle istituzioni cittadine, cosa di estrema gravità”. Così Riccardo Cecchini, presidente di Legambiente Versilia, commenta le ultime dichiarazioni del sindaco Giorgio Del Ghingaro.
Ma a parte il fatto che la cosa non sarebbe così semplice né dipendente dalla semplice volontà del sindaco, in quanto la perimetrazione del Parco scaturisce da una legge regionale, questa affermazione crea più di una perplessità a livello di strategia politica.
Il fatto che una parte del territorio comunale sia stata considerata meritevole di far parte di un’area protetta dovrebbe essere motivo di vanto e ci si aspetterebbe che le istituzioni cittadine ne riconoscessero il valore.
Capita che altri comuni, ben più lungimiranti, abbiano capito che è nel loro interesse entrare a far parte di una compagine di qualità: così ad esempio a marzo di quest’anno è stato possibile ampliare i confini della Riserva della Biosfera dell’Unesco denominata ‘Selve costiere di Toscana’ grazie alla richiesta di inclusione della totalità del territorio dei comuni di Massarosa, San Giuliano Terme, Vecchiano e Calci e parte dei comuni di Lucca, Capannori e Collesalvetti.
Allo stesso tempo anche alcuni operatori economici hanno compreso che hanno tutto da guadagnare se le loro imprese possono essere individuate come facenti parte di un’area protetta: è il caso ad esempio di alcuni stabilimenti balneari della Darsena, che si sono costituiti in Rete delle Marine del Parco, consapevoli che, pur dovendo sottostare a vincoli più stringenti, il percorso di sostenibilità crescente delle loro attività, supportato dall’appartenenza ad un contesto ambientale di qualità, non può che beneficiarli nell’indirizzare la scelta di turisti che sempre più manifestano interesse per queste pratiche e questi contesti.
Ci aspettiamo dunque che le istituzioni cittadine sappiano cogliere altrettanto bene le opportunità offerte dallo stare dentro un Parco: ciò significa maggiore impegno nella cura del proprio territorio, implica una collaborazione con altre istituzioni, ma al tempo stesso conferisce dignità a queste scelte e rimanda ad un’immagine di qualità anche fuori dei confini comunali”.

Legambiente Versilia

mercoledì 16 novembre 2016

Escursione Alpi Apuane - domenica 20 novembre


 

Escursione: domenica 20 novembre 2016

Alpi Apuane: il Monte Piglione

Percorso: Casoli (ca. 400 m) (sent. 2) – Foce del Termine (978 m) – M. Piglione (m.1233) (sent. 103) – Campo all'Orzo (938 m) (sent. 112)– Casoli.

Il monte Piglione è situato tra le vette più meridionali delle Apuane ed è la più orientale. Presenta una lunga e panoramica cresta erbosa orientata da nord-ovest a sud-est, da cui, nelle limpide giornate invernali si gode di un bellissimo panorama su parte della catena apuana e a sud verso l'Elba e la Corsica. Itinerario ad anello, che tocca alcune suggestive zone prative delle Apuane (Foce del Termine, la Parte) e ci porterà ai casolari di Campo all'Orzo, una zona prativa, il cui nome deriva dal cereale che veniva coltivato nelle terrazze che scendono a valle; nel punto più alto si trovano i ruderi della Chiesa di san Rocco. Dei 200 abitanti che contava nel passato, ne è rimasto solo uno, la signora Eva Domenici, classe 1933, che qui vive tutto l'anno da sola con un po' di animali e coltivando la terra, e che, se incontreremo, ci potrà raccontare cosa vuol dire vivere lontano dalle comodità urbane e in  sintonia coi cicli della natura.
Ritrovi: Pisa- parcheggio via Paparelli, ore 8,00 (per chi viene da Pisa)
              Viareggio - Aurelia Nord, parcheggio presso il Centro Polo – ore 8.30
(per chi viene dalla Versilia)
Itinerario auto:
Pisa/Viareggio – Casoli (80 min./50 min.) 
Durata dell’escursione: 5,30h - Dislivello totale in salita: 830 m
Grado di difficoltà: E (sentiero escursionistico) – medio

Responsabile dell’escursione: Riccardo Cecchini, tel. 347-3690507

  • Sono consigliabili pantaloni lunghi, scarpe da trekking ed equipaggiamento da pioggia.
  • Pranzo al sacco
  • Le prenotazioni devono essere effettuate via e-mail o per telefono preferibilmente entro le ore 18.00 di venerdì 18 novembre, comunicando nome, recapito telefonico, disponibilità auto; in alternativa telefonando entro sabato ore 18 al responsabile dell'escursione.
    Per motivi normativi e assicurativi,
    la partecipazione è riservata ai soci Legambiente; sarà possibile associarsi la mattina stessa dell'escursione. La partecipazione è gratuita.
  • Qualora condizioni climatiche avverse o altri imprevisti imponessero variazioni di programma o l'annullamento della escursione, gli iscritti saranno tempestivamente avvisati.
  • Per informazioni è possibile contattare il responsabile della escursione al tel 347-3690507

Per ulteriori informazioni e per iscriversi: Circolo Legambiente Pisa - Via San Lorenzo 38 - 56127 Pisa – Tel. 050 553435 www.legambientepisa.it – email: legambiente@legambientepisa.it

giovedì 29 settembre 2016

Quinta estemporanea di pittura a Villa Borbone



    Gli alberi, antichi abitanti della

Lecciona

 
 

Domenica 9 ottobre dalle 10 alle 17 a Villa Borbone a Viareggio giunge alla sua quinta edizione l'estemporanea di pittura dedicata alla natura della Macchia lucchese: dalle 10 alle 17 a Villa Borbone, sul viale dei Tigli a Viareggio, presso il Centro Visite del Parco regionale di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli, si terrà infatti la manifestazione organizzata da Legambiente Versilia, curata dagli operatori del Centro Visite e quest'anno intitolata "Gli alberi, antichi abitanti della Riserva della Lecciona". Gli artisti saranno accompagnati nel bosco della macchia Lucchese e potranno fermarsi nel luogo che più li ispira per la loro performance artistica. L'evento è aperto a tutti, grandi e piccoli, esperti o meno che vogliano cimentarsi nella riproduzione di una parte importante della natura del nostro Parco: gli alberi che da secoli costituiscono il bosco della Macchia Lucchese.
Le tele rimarranno esposte in collettiva nelle sale del Centro Visite all'interno della Villa Borbone fino al 23 ottobre, in concomitanza con la mostra micologica.
È gradita la pre-iscrizione, anche telefonica, ai recapiti dell'organizzazione ai fini di poter avvisare i partecipanti in caso di rinvio.

Info: 389 9231999. centrovisite.villaborbone@gmail.com.

.....................................................................................................................................

REGOLAMENTO